Domande frequenti su “PiantaGrani”.

PiantaGrani è un imprenditore?

Si.

PiantaGrani è un contadino?

Anche.

PiantaGrani è un menestrello?

Anche.

PiantaGrani è un’agenzia di comunicazione?

No.

PiantaGrani è un PiantaGrane?

Quando serve.

Perché la parola “PiantaGrani”?

Perché ai  PiantaGrani piace giocare con il senso e con le parole. Le parole sono importanti. Il PiantaGrani è un modello di persona, una tipologia di imprenditore e un metodo per produrre valore.

Quali sono le caratteristiche della persona – imprenditore PiantaGrani?

Il PiantaGrani non” immagina” e basta: “quello” semina, sperimenta e raccoglie i frutti, prima di tutto raccoglie dai suoi errori. Il PiantaGrani ama la poesia (poiein, fare), ma non la retorica.

Il PiantaGrani è determinato, agisce nonostante la paura, anche in condizioni non favorevoli.

Il PiantaGrani è allergico alla frase “non si può fare”.

Cos’è quindi tecnicamente PiantaGrani?

PiantaGrani è una impresa individuale. Fa consulenza per la conoscenza e consapevolezza, la valorizzazione, la promozione e la connessione di aziende e  di enti territoriali. PiantaGrani è anche piccolo produttore di cereali.

PiantaGrani “fa” innovazione territoriale.

Da dove nasce l’idea di chiamare un’azienda PiantaGrani?

Dal blog Storie di PiantaGrani.  Il blog è nato a gennaio 2017 per raccontare la storia di un chicco di grano.

Il nome è piaciuto, ha funzionato. Lo abbiamo scelto per denominare l’azienda.

Cosa racconta in particolare il blog Storie di PiantaGrani?

Il racconto, seguendo i tempi e i ritmi naturali del ciclo di vita dal chicco al piatto, sta accompagnando il lettore nella storia della creazione di uno dei prodotti e quindi di uno dei marchi di PiantaGrani.

Il blog cerca e incontra e racconta anche tanti altri “PiantaGrani”.

Si, ma cosa fa in concreto PiantaGrani?

PiantaGrani sviluppa progetti di marketing territoriale, strategie di valorizzazione e narrazione di prodotti e servizi anche di “nicchia”, fa creazione e/o rilancio di marchi, soprattutto nei settori agro-alimentare, agro – culturale e territoriale.

Come e con chi lavora PiantaGrani?

PiantaGrani individua le specificità di un’azienda, prodotto o servizio (conoscenza) e progetta e attiva la strategia giusta per darle valore (valorizzazione) e farla conoscere (promozione) e attivare le giuste reti per farla crescere (connessione).

Ha una rete di professionisti indipendenti ai quali attingere. PiantaGrani sa bene come si fa quello che si chiama il “project management” e che sempre nonno Felice mio faceva bene quando portava quella trentina tra mietitori, iermitatrici, cucinere e mangiatori (quelli pure servono) a portare a termine il “casazzo” per fare il grano buono.

Cosa fa di diverso PiantaGrani?

Si “sporca i pantaloni nella ricerca vera” come diceva Park, quel sociologo americano che ho studiato all’università. “Quello”, il PiantaGrani, va in azienda o sul territorio e tanto ci rimane fino a che tira fuori l’anima più profonda del prodotto o servizio o progetto.

Allora, PiantaGrani fa quello che chiamano “storytelling”?

Si.

E che mi significa questo “storytelling”?

È  l’arte di raccontare le storie come faceva nonno Felice mio.

Lui teneva incollati al divano noi nipoti piccolini e scalmanati, narrando le disavventure di quando era soldato a Firenze negli anni venti e doveva tornare a piedi a Palomonte in Campania, per la notte di Natale.

Ci raccontava del fuoco, del pane scarso e dei piedi doloranti, ma di più di quella gioia speciale di quando poi è arrivato sotto al campanile, in tempo per la messa di mezzanotte.

Solo che ora è di moda chiamarlo Storytelling, e pure noi lo chiamiamo così.

E come si fa  “storytelling”?

Ci sono vari modi di raccontare, e soprattutto vari strumenti per farlo e canali per veicolare i racconti. Ogni volta diversi: sia i modi, sia gli strumenti, sia i canali. Spesso poi cambiamo le strategie strada facendo.  Il nonno Felice mio, quando vedeva che le olive non erano tanto buone , le faceva seccare per metterle sott’olio, invece che farci l’olio. L’olio sarebbe stato rancido, quelle olive sott’olio là, invece, erano proprio una cosa buona e speciale.

Capito. E il grano tradizionale, la farina e il pane?

Segui il blog e tutte le prossime storie. L’eccellenza si costruisce con pazienza e sperimentazione.

I prodotti che sperimentiamo sono “da mangiare” sul serio, hanno il sapore che avevano quelli di nonno e nonna; non siamo però negli anni venti e noi studiamo con le persone competenti come renderli nuovi e sostenibili.

Se ti piace il pane fatto con la stampante 3D (senza nulla togliere a questa tecnologia), certamente questo non è il blog da seguire e il progetto per te .

 

 

Loredana Parisi

Disegno di Gianluca Bertone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...